Lo studio del cosmo che richiede gigantesche antenne

Lo studio del cosmo che richiede gigantesche antenne, vale a dire l'insieme delle tecniche di indagine degli oggetti astronomici vicini alla Terra basate sulla riflessione di microonde delle quali si analizza l'eco, porta il nome di radar astronomia o astronomia radar. Si badi bene a non confondere l’astronomia radar con un sistema di studio del cosmo solo apparentemente affine, la radioastronomia: mentre quest’ultima infatti si fonda sull’analisi delle onde emesse dai corpi celesti, lo studio del cosmo che si avvale di gigantesche antenne radar si fonda sull’analisi delle onde emesse dalle antenne, riflesse dai corpi celesti e quindi ri-captate dalle stesse antenne emittenti. Lo studio del cosmo tramite l’analisi delle onde trasmesse e ricevute dalle antenne radar ha permesso all’essere umano enormi progressi nella conoscenza dello spazio: le immagini radar ci hanno fornito informazioni sulla forma e le proprietà delle superfici dei corpi solidi nello spazio con risultati che non sarebbe stato possibile ottenere utilizzando altri strumenti basati a terra né sulle sonde spaziali, particolarmente nel caso di corpi celesti con atmosfere opache. Le tecniche di indagine basate sulla trasmissione di onde tramite gigantesche antenne radar, hanno consentito inoltre di acquisire informazioni non verificabili con altri metodi, come ad esempio le misure a conferma della teoria della relatività generale effettuate sull'orbita del pianeta Mercurio; inoltre le indagini del cosmo basate sull’impiego delle antenne radar forniscono valori precisi per l'unità astronomica, prima misura necessaria per la determinazione della scala delle distanze cosmiche. Le antenne radar sono state impiegate a partire dalla fine degli anni Sessanta per un gran numero di studi sul sistema solare.

Cercato come:

Lo studio del cosmo che richiede gigantesche antenne

Categorie: