I composti presenti nel veleno di molti serpenti

I composti presenti nel veleno di molti serpenti, tali da alterare e a volte perfino distruggere l'attività di determinati neuroni, provocando paralisi motoria e morte dell'organismo, sono propriamente indicati come neurotossine. Le neurotossine tuttavia, pur essendo presenti nel veleno di molti serpenti (bungaro, cobra, serpenti australiani), non sono i soli composti potenzialmente letali presenti nel veleno di questi animali. Nel veleno della vipera per esempio, oltre a neurotossine capaci di agire sulle cellule del sistema nervoso, sono presenti anche tossine capaci di disattivare i fattori della coagulazione presenti nel sangue, nonché composti capaci di favorire la dilatazione dei vasi sanguigni e, di conseguenza, il calo della pressione. L'insieme di questi composti, congiuntamente presenti nel veleno della vipera, come del resto in quello di molti altri serpenti, provocano insufficienza cardiaca ed emorragia. Sfortunatamente non esiste alcun antidoto preventivo che possa azzerare gli effetti provocati dai composti presenti nel veleno dei serpenti in caso di un eventuale morso. Esistono però dei sieri specifici capaci di agire sugli effetti provocati dai composti presenti all'interno di un determinato veleno. Di norma tali sieri vengono ricavati a partire dal sangue di animali di grossa taglia, come i cavalli, che producono specifici anticorpi contro il veleno iniettato nel loro organismo. 

Cercato come:

composti presenti nel veleno di molti serpenti

Categorie: