Una conifera da litorali

La tipica conifera da litorali, vale a dire quella conifera caratteristica delle zone litoranee, diffusissima lungo le coste di tutto il Mediterraneo, dalla Francia alla Grecia, all’Italia, alla Spagna, è il Pino marittimo, più noto col nome di pinastro. Il Pinus pinaster è una conifera appartenente alla famiglia delle Pinacee, ed è differenziato in tre sottospecie: il Pinus pinaster pinaster, diffuso principalmente lungo i litorali che si affacciano sull'Oceano Atlantico; il Pinus pinaster escarena K. Richter, la sottospecie più diffusa sulle coste del Mediterraneo, e il Pinus pinaster renoui Maire, una sottospecie di conifera specifica delle montagne dell'Atlante marocchino. Il pinastro è una conifera che raggiunge solitamente i 20 metri, ma può arrivare anche a un’altezza di 30. Nell’albero giovane la chioma si allarga nella caratteristica forma a cono, poi invecchiando questa conifera assume una forma più larga e più piatta. La chioma si espande maggiormente verso la cima, mentre la parte inferiore si presenta più rada. Il colore della corteccia della conifera dei litorali, è all’inizio di una tonalità grigio chiaro, ma diventa nel corso degli anni più rossastro e più scuro, dal caratteristico aspetto compatto e pieno di fessure. Le foglie della conifera tipica dei litorali sono aghiformi, e raggiungono una lunghezza variabile fra i 12 e i 25 cm. Sono foglie rigide, dello spessore di 2 mm, dai margini seghettati, con gli stomi disposti in linea su tutti e due i lati, di colore verde chiaro, o chiarissimo. Il pinastro, nel periodo primaverile di aprile o maggio, produce i fiori chiamati sporofilli, che si dividono in macrosporofilli, di colore tendente al rosso, e microsporofilli, di un intenso colore giallo. Il pino marittimo produce degli strobili grandi, lunghi dai 7 ai 20 cm e larghi 4 o 6 cm, contenenti al loro interno dei piccoli semi, di color marrone. Per le sue caratteristiche di resistenza ed adattabilità, unite alla veloce crescita, questa conifera è usata spesso per il rimboschimento dei litorali, ma anche per un uso industriale per il suo legname, e per l’abbondante produzione di resina, che viene utilizzata in preparati erboristici e farmacologici. 

Cercato come:

Una conifera da litorali

Categorie: