Curiosità: Tra i guerrieri greci era secondo solo ad Achille

Tra i guerrieri greci, era secondo solo ad Achille, il leggendario acheo figlio di Telamone re di Salamina e di Peribea, vale a dire l'eroe chiamato Aiace. Nell'Iliade, Aiace compie molte imprese valorose. Nel quarto libro colpisce con la lancia il giovane guerriero troiano Simoesio, uccidendolo. Quindi dimostra il suo coraggio in ripetuti duelli contro il più forte tra i nemici dei greci: Ettore. Durante la battaglia per il recupero del corpo di Achille ucciso da Paride, Aiace compie sanguinosi prodigi massacrando Glauco, figlio di Ippoloco e sovrano licio, e ferendo gravemente Enea e Paride.

Dopo la cerimonia funebre, però, sia Ulisse, sia Aiace reclamano il diritto di tenere per sé le armi di Achille come riconoscimento del loro valore: alla fine, dopo alcune discussioni, è Ulisse a spuntarla e Aiace, accecato dal dolore, decide di vendicarsi dei responsabili del verdetto: Agamennone e Menelao. Tuttavia, impazzito a causa di un incantesimo lanciatogli da Atena, egli si lancia contro un gregge di pecore e le massacra, credendo di uccidere Agamennone e Menelao. Rientrato in sé, si vede coperto di sangue e capisce che cosa abbia in realtà fatto: perduto in questo modo l'onore, preferisce suicidarsi piuttosto che continuare a vivere nella vergogna. Così, colui che tra i guerrieri greci era secondo solo ad Achille si lancia sulla spada che Ettore gli aveva donato alla conclusione del loro duello e si uccide.

Cercato come:

Tra i guerrieri greci era secondo solo ad Achille

Categorie: