L'uomo che aiutò Gesù a portare la croce sul Calvario

L'uomo che aiutò Gesù a portare la croce sul Calvario – vale a dire sulla collina su cui si narra che Gesù fu crocifisso, il cui nome deriva dal latino calvaria, traducibile in italiano come 'luogo del cranio' – è Simone di Cirene, spesso indicato anche come il Cireneo. Secondo quanto riferito da tre dei quattro Vangeli – Matteo, Marco e Luca – Simone è l'uomo che, obbligato dai soldati romani che lo intercettarono di ritorno a casa dal lavoro, aiutò Gesù a portare la croce sul Calvario. Gesù infatti, sfiancato dalla flagellazione e dalle altre atrocità che gli erano state inflitte, non aveva più la forza necessaria a portare da solo la croce sul Calvario. Tra tutti, il Vangelo secondo Marco si segnala per essere il più prodigo di notizie circa la figura del Cireneo giacché, nell'indicare Simone come l'uomo che aiutò Gesù a portare il peso della croce sul Calvario, nomina anche i suoi due figli – Alessandro e Rufo – i quali, probabilmente, erano a loro volta identificabili come membri della comunità cristiana. La rilevanza che Marco accorda alla figura del Cireneo e dei suoi stessi figli è testimoniata dal fatto che egli, di solito, tende a riportare pochissimi nomi propri. Al contrario, l'assenza di qualsiasi riferimento alla figura dell'uomo che aiutò Gesù a portare la croce sul Calvario nel Vangelo secondo Giovanni, sarebbe riconducibile alla volontà di porre la massima enfasi sul motivo del sacrificio.  

Cercato come:

aiutò gesù a portare la croce sul calvario

Categorie: