Una lucertola velenosa del Messico

Una lucertola velenosa del Messico, dal caratteristico corpo tozzo, la testa larga, provvista di corte zampe e dal riconoscibile manto scuro a chiazze gialle è l'Eloderma. Il termine Eloderma deriva dal latino helos, chiodo, e derma, pelle, e trae origine dall'aspetto rugoso della pelle di questi animali. L'Eloderma, una lucertola velenosa del Messico, è nota anche per essere una delle due lucertole più velenose del mondo. Questa lucertola velenosa del Messico appartiene alla famiglia delle Helodermatidae, e alla specie Heloderma horridum. Il suo areale è molto vasto, va dal sud del Guatemala sino al Messico nord-occidentale. L'altra lucertola più velenosa al mondo è il Mostro di Gila, l'Heloderma suspectum, che invece è diffuso nel sud-ovest dell'America del nord. L'Eloderma vive preferibilmente nelle boscaglie tropicali dove, durante le calde ore del giorno, passa il tempo al riparo nella sua tana, situata fra le rocce. L'Eloderma è però un animale diurno, divenuto notturno per necessità. Nel periodo riproduttivo la femmina depone dalle otto alle dieci uova. Il veleno è contenuto nell'apparato venenifero posto nella mandibola inferiore dell'animale, al contrario dei rettili, nei quali apparato venenifero è collocato nella mandibola superiore. Il suo morso è tenace e molto doloroso, in quanto la lucertola lo assesta continuando a masticare. Il morso di questa lucertola velenosa del Messico può essere fatale anche all'uomo.

Nonostante sia fornita di un'arma letale, l'Eloderma usa il suo veleno soltanto per difendersi. Le sue prede, infatti, sono molto piccole e inoffensive. L'Eloderma, la lucertola velenosa del Messico, si nutre infatti principalmente di uova di uccelli o di piccolissimi animali.

Cercato come:

Una lucertola velenosa del Messico

Categorie: