Il luogo che visitano i turisti che si recano a Bomarzo, il centro del Viterbese

Il luogo che visitano i turisti che si recano a Bomarzo, il centro del Viterbese situato nel cuore della cosiddetta Tuscia, l'area che segna il confine tra il Lazio e l'Umbria, è il complesso monumentale noto come parco dei mostri. Commissionato dal principe Pier Francesco Orsini (detto Vicino Orsini) e realizzato dall'architetto Pirro Ligorio nel 1547, il parco dei mostri è senz'altro il più importante tra i luoghi che visitano i turisti che si recano a Bomarzo, giacché costituisce la più famosa attrattiva di questo noto centro del Viterbese. Si tratta di un parco naturale che, in mezzo ad una foresta di conifere e latifoglie, ospita numerose sculture in basalto, raffiguranti animali mitologici, divinità e mostri. Tali sculture sono solitamente attribuite a Simone Simoncelli, detto Simone Moschino. Insieme alle sculture, vistosamente ispirate al genere del grotesque, il parco ospita anche alcune architetture impossibili che, sfidando le normali leggi prospettiche ed estetiche, intendono sbalordire i turisti che si recano a Bomarzo. Il parco dei mostri, vero fiore all'occhiello di questo centro del Viterbese, fu originariamente denominato dall'Orsini Sacro Bosco e, con questo nome, dedicato alla moglie Giulia Farnese. Rimasto per lungo tempo inutilizzato, nella seconda metà del XX secolo fu rilevato dalla famiglia Bettini e reso accessibile al pubblico.  

Cercato come:

lo visitano i turisti che si recano a bomarzo, il centro del viterbese

Categorie: