Un maresciallo di Luigi XIV grandissimo stratega

Un maresciallo di Luigi XIV, grandissimo stratega al quale il re di Francia affidò la conduzione delle importanti campagne militari francesi in Italia durante la Guerra della Grande Alleanza e la Guerra di successione spagnola, fu Nicolas Catinat. Il maresciallo di Luigi XIV proveniva da una famiglia della piccola nobiltà di provincia ed iniziò la sua carriera nella Guardia Francese, un reparto di fanteria d'élite destinato alla guardia del Re ed alla difesa di Parigi. Si distinse per la prima volta nell'assedio di Lilla, e più tardi, tra il 1676 ed il 1678, durante la guerra nei Paesi Bassi. Maresciallo di campo nel 1680, dopo l'abrogazione dell'editto di Nantes, l’abilissimo stratega di Luigi XIV in Italia a fianco delle truppe dei Savoia nelle campagne di persecuzione contro i Valdesi: il 17 maggio 1686, dopo due tentativi infruttuosi, riescì a sorprendere le difese dei religionaires asserragliati alla Balsiglia, sui monti della valle Germanasca, massacrandone più di 60. Il 27 marzo 1693 Catinat, per i suoi meriti di stratega, ottenne il bastone di maresciallo di Francia e il 4 ottobre dello stesso anno, alla testa di 35.000 soldati, portò la sua armata alla vittoria nella battaglia della Marsaglia, che costò all'esercito alleato la perdita di più di 10.000 uomini. Nuovamente incaricato delle operazioni in Italia nel 1701 all'inizio della guerra di successione spagnola, il maresciallo di Luigi XIV si trovò a fronteggiare ancora una volta le armate Imperiali guidate dal principe Eugenio, ma il cattivo stato dell'esercito, la mancanza di denaro e di rifornimenti, l'alleanza più formale che sostanziale con Vittorio Amedeo II di Savoia (cugino di Eugenio e segretamente in contatto con lui) paralizzò questa volta i suoi sforzi, provocandone la sconfitta il 9 luglio 1701 a Carpi di Villa Bartolomea, nei pressi di Legnago. Luigi XIV lo fece sostituire al comando dal duca di Villeroy, abile generale più a corte che in guerra. Abbandonate le campagne belliche dopo queste ultime vicende il grandissimo stratega Catinat si ritirò, sfuggendo la vita di corte ed i circoli militari, nel suo castello di Saint-Gratien (nei pressi di Montmorency), dove morì il 12 febbraio 1712. Il maresciallo Catinat fu seppellito nella chiesa del villaggio.

Cercato come:

Un maresciallo di Luigi XIV grandissimo stratega

Categorie: