Il monumento che a Roma ricorda le vittorie di Augusto

Il monumento che a Roma ricorda le vittorie di Augusto, figlio adottivo di Giulio Cesare e primo imperatore di Roma, è l’altare della pace augustea  il cui nome originale è Ara Pacis. L’Ara Pacis è un altare monumentale che Augusto dedica nel 9 a.C. alla Pace, nella sua accezione di divinità. L’altare originariamente venne posto in una zona del Campo Marzio consacrata alla celebrazione delle vittorie. L’area del Campo Marzio scelta da Augusto quale sede del monumento commemorativo delle proprie vittorie aveva un importante valore simbolico: si trattava infatti di un luogo emblematico perché posto a un miglio (1.472 m) dal pomerium, il limite della città dove il console di ritorno da una spedizione militare deponeva i poteri militari (imperium militiae) e rientrava in possesso dei propri poteri civili (imperium domi). Il monumento che a Roma ricorda le vittorie di Augusto rappresenta una delle più significative testimonianze pervenuteci dell'arte augustea e simboleggia la pace e la prosperità conseguite al termine campagne militari e delle vittorie di Augusto. Il monumento voluto da Augusto si componeva di un recinto rettangolare in marmo della dimensione complessiva di poco più di 100 metri quadrati, elevato su un podio e fornito di due porte nei lati più lunghi, alle quali si accedeva tramite una scala. All'interno del recinto era situato l'altare vero e proprio, elevato su tre gradini, mentre altri cinque gradini permettevano al sacerdote di raggiungere la mensa, ossia il piano dell'altare sul quale si celebravano i sacrifici. Il recinto era decorato con scene disposte su due livelli: quello inferiore a carattere vegetale, quello superiore a carattere rievocativo, separati da una fascia con motivo a svastica. La parte esterna era decorata con pannelli inquadrati da lesene marmoree con capitelli corinzi: la zona inferiore era identica su tutti e quattro i lati ed è costituita da una tessitura di girali di acanto; la zona superiore, invece, si presentava più varia, con quattro quadri marmorei raffiguranti scene mitologiche ed allegoriche nei lati lunghi, ossia a fianco delle due porte, e due rappresentazioni di carattere storico nei lati brevi.

Cercato come:

Il monumento che a Roma ricorda le vittorie di Augusto

Categorie: