Una pianta che dà un’essenza usata in profumeria

Una pianta che dà un’essenza usata in profumeria,  caratterizzata da singolari petali cartacei che hanno valso alla pianta l’appellativo di “fiore di carta” è l’ Elicriso. L’Elicriso, il cui nome scientifico è Bracteantha bracteata è un arbusto annuale rustico, molto decorativo, utilizzato spesso per ornare giardini e balconi per la lunghissima durata dei suoi fiori. L’arbusto è originario dell’Australia ed è caratterizzato da fiori non molto grandi, non superano infatti i 5 cm, ma molto vistosi e durevoli. Oltre all’uso decorativo la pianta dà un’essenza usata in profumeria dall’aroma simile al miele, con un sottile sottotono amaro. L’aroma ha proprietà rilassanti e stimolanti insieme. La fioritura dell’Elicriso è ricca e prolungata e va dall’inizio della primavera alla fine dell’estate. I fiori hanno  petali cartacei e lucidi, semplici o doppi, di vari colori, dal bianco al giallo, all’arancio al rosso. I fiori dell’Elicriso si utilizzano frequentemente per le composizioni di fiori essiccati e anche come decorazione delle piantine grasse.  Il fiore dell’Elicriso mantiene infatti il colore vivo dei petali anche quando è essiccato. Per i numerosi usi che se ne possono fare la pianta viene venduta essiccata dai fioristi. Per le sue caratteristiche l’olio di Elicriso è commercializzato in Francia con il nome di Immortelle,  mentre negli Stati Uniti con il nome di Semprevivo. La pianta dà un’essenza  che in profumeria viene usata anche per creare particolari miscele profumate. L’essenza di Elicriso viene miscelata in profumeria con l’essenza della lavanda, della mimosa, del bergamotto, della rosa e della camomilla. La pianta dà un’essenza  dal profumo molto forte e per questo abitualmente viene usata in profumeria in quantità veramente piccole.

Cercato come:

Una pianta che dà un’essenza usata in profumeria

Categorie: