Una pianta erbacea usata per curare dermatiti ed eczemi

Una pianta erbacea usata per curare dermatiti e eczemi, per via delle sue notevoli proprietà antibiotiche e di riflesso dermatologiche, è la bardana. Questa pianta appartiene alle Astereceae, una grande famiglia di piante dicotiledoni. La bardana è nota anche come lappa bardana o bardana maggiore. Questa  pianta erbacea è usata moltissimo per le sue proprietà benefiche, specialmente per curare dermatiti ed eczemi, o la psoriasi. È inoltre utilizzata come cicatrizzante per le ferite. La bardana, infatti, è un potentissimo antibiotico naturale, particolarmente efficace per combattere le malattie della pelle. La bardana è diffusissima in campagna, specialmente nelle zone umide e non coltivate. E' una pianta erbacea dalle grandi foglie a forma di cuore e i fiori tendenti al rosso. Oltre alle sostanze antibiotiche e antibatteriche vegetali, la bardana possiede in alta percentuale preziosi sali minerali, il potassio, il calcio, il ferro e il magnesio. Da secoli la bardana è stata un elemento fra i più importanti della farmacopea naturale. Oltre alle citate proprietà antibiotiche, essenziali nella cura delle malattie delle pelle, delle dermatiti degli eczemi e delle psoriasi, questa pianta erbacea possiede forti proprietà diuretiche e di purificazione del sangue. La bardana, infatti, contribuisce ad abbassare e a regolarizzare i livelli degli zuccheri nel sangue, elemento essenziale anche questo per la cura delle malattie della pelle come la psoriasi  che, fra le varie cause, è provocata anche da un compromesso metabolismo degli zuccheri. Questa pianta erbacea ha la capacità di stimolare le funzioni del fegato e la produzione della bile. La bardana si utilizza generalmente con dosaggi differenti a seconda dello stato del paziente, perché bisogna ricordare che è un farmaco natuale, ma con tutte le caratteristiche e le controindicazioni dei farmaci sintetici. La bardana si utilizza frequentemente come decotto, realizzato utilizzando le radici fresche o essiccate. Le radici di bardana vengono raccolte nella stagione primaverile da piante di almeno due anni. Le foglie invece si raccolgono e poi si lasciano essiccare nel periodo da maggio ad agosto. Una sola tazza di decotto giornaliera può stimolare la diuresi, mentre per usufruire appieno delle proprietà antibiotiche e antibatteriche di questa pianta erbacea è necessario bere almeno due o tre tazze di decotto al giorno. Queste sono le quantità necessarie per curare le dermatiti e gli eczemi e le altre malattie della pelle. Il decotto di bardana viene usato anche per uso esterno, come impacco per la cura dell'acne, i capelli grassi e anche i reumatismi. Come detto, esistono anche delle controindicazioni all'uso della bardana, a partire dalla semplice allergia. La bardana, poi, è assolutamente controindicata per le donne in gravidanza, perché potrebbe avere pericolosi effetti sulla muscolatura uterina. Anche se ha grandi proprietà benefiche, proprio per la sua azione sul metabolismo degli zuccheri la bardana deve essere assunta con particolare attenzione da parte dei diabetici, in quanto i principi attivi presenti nella pianta potrebbero interagire con i farmaci prescritti per questa malattia.

Cercato come:

Una pianta erbacea usata per curare dermatiti ed eczemi

Categorie: