Il più vasto stato federato della Germania

Il più vasto stato federato della Germania, vale a dire il più esteso dei sedici Länder tedeschi, i distretti governativi in cui è divisa la Germania, con una superficie di oltre 70.551 km² - pari quasi a tre volte la Sicilia, la più vasta tra le regioni dell’Italia – è lo stato libero di Baviera, o Freistaat Bayern. Sebbene il suo territorio di 70.551 km² faccia della Baviera il più esteso stato federato della Germania, il lander è solo il secondo per popolazione: con i suoi circa 12.500.000 abitanti, lo stato federato è infatti secondo alla Renania Settentrionale-Vestfalia. A Sud la Baviera confina con l’Austria e la Svizzera, ad Est con la Repubblica Ceca. Ad Ovest lo Stato federato della Baviera confina con il Baden-Württemberg, a Nord Ovest con l’Assia, a Nord con la Turingia e a Nord Est con la Sassonia. La capitale dello stato federato tedesco di Baviera è Monaco, (Munchen). Anticamente sede di popolazioni di origine celtica, la regione fu conquistata dai Romani che, a partire dal I sec. d.C. vi costruirono fortilizi militari che furono all’origine di molte città come, ad esempio, Augusta, Augusta Vindelicorum, Ratisbona, Castra Regina, fondata nel 90 d.C. o Passau, l’antica Castra Batava. Alla disfatta dell’Impero Romano la vasta regione fu occupata da tribù germaniche, fra cui i Baiuvari, che diedero il loro nome all’intero territorio. Dal VII secolo d.C. le popolazioni si convertirono alla fede cristiana, per mezzo di missionari venuti dall’Irlanda ad evangelizzare i popoli barbari. La forte identità religiosa cristiana cattolica, che permane ancora oggi nella regione, rese la Baviera, durante il periodo dello scisma protestante, l’estremo baluardo del cattolicesimo a Nord. Nel corso dei secoli successivi i duchi della Baviera rivestirono un ruolo da protagonisti nella storia della Germania e dell’Europa intera, sino ad assumere il titolo, ottenuto da Carlo Alberto Wittelsbach, di imperatore del Sacro Romano Impero Germanico. Alla caduta dell’Impero della Germania, nel 1810, la vasta regione divenne un regno, con a capo Massimiliano Giuseppe, che promulgò un importante editto di tolleranza religiosa, equiparando nei diritti gli appartenenti ad ogni confessione, cattolici, protestanti, ebrei. Nel 1918 la Baviera, in seguito ad una rivoluzione, divenne un Freistaat, uno stato libero socialista, guidato dal rivoluzionario Kurt Eisner. La repubblica ebbe una vita breve, e nel 1919 la regione entrò a far parte della Repubblica di Weimar. Proprio a Monaco Adolf Hitler si iscrisse al partito nazionalsocialista, iniziando dalla città bavarese la sua ascesa al potere. Al termine delle tragiche vicende della Seconda Guerra Mondiale, la Baviera entrò a far parte della confederazione tedesca e divenne il più vasto stato federato della Germania.

Cercato come:

Il più vasto stato federato della Germania

Categorie: