Dei quadrumani americani che si fanno sentire

Dei quadrumani americani che “si fanno sentire”, come ben suggerisce il loro nome comune, che ne mette in risalto le caratteristiche della tendenza alla comunicazione orale e della capacità di esprimere suoni molto potenti attraverso l’apparato fonatorio, sono le scimmie urlatrici. Le scimmie urlatrici, il cui nome scientifico è in realtà “alouatta”, vivono nelle foreste pluviali dell'America Centrale e meridionale, dal Messico del sud all'Argentina settentrionale: il solo Brasile ospita la metà delle specie conosciute. Il nome comune di questi questi quadrumani americani è dovuto al fatto che essi utilizzano molto la comunicazione vocale, e possiedono un osso ioide conformato in maniera particolare che permette loro di emettere dei particolari richiami (più che urla, sono assimilabili a ruggiti nei maschi e grugniti nelle femmine), che vengono amplificati dalla laringe ingrossata e sacciforme, e si fanno sentire fino ad oltre 5 km di distanza. Sono perciò considerati gli animali terrestri che emettono il suono più potente. I "concerti" delle scimmie urlatrici si possono ascoltare soprattutto al mattino ed hanno funzione di demarcazione e rivendicazione del territorio. Questi quadrumani dalla voce roboante hanno abitudini diurne e sono animali assai sociali, vivendo in gruppi che contano fino ad oltre 25 individui: questi gruppi comprendono sempre femmine in numero maggiore dei maschi, e spesso il gruppo si riduce ad un harem con un unico maschio, mentre più maschi sono osservabili in gruppi particolarmente grandi. A differenza di altre scimmie americane, sia i maschi che le femmine hanno visione tricromatica, il che vuol dire che sono in grado di vedere a colori. Nonostante abbiano indole gentile e solo raramente siano aggressive, le scimmie urlatrici sopportano male la cattività: sono infatti le uniche platirrine che gli indios amazzonici non tengono mai come animali domestici. Humboldt descrisse questi animali come "Malinconici nell'aspetto, nella voce, nel comportamento". Per i Maya, questi animali erano i protettori divini degli artigiani in generale, ma in particolare erano i patroni di scribi e scultori.

Cercato come:

Dei quadrumani americani che si fanno sentire

Categorie: