Una succinta sceneggiatura a bozzetti

Una succinta sceneggiatura a bozzetti, impiegata soprattutto in ambito cinematografico per illustrare, inquadratura per inquadratura, quanto in un secondo tempo verrà concretamente girato sul set, è propriamente indicata col nome di storyboard. Il termine storyboard, direttamente importato dall'inglese, è letteralmente traducibile in italiano come “tavola (board) della storia (story)”. Il primo regista a servirsi di una succinta sceneggiatura a bozzetti in preparazione ad un suo film, fu probabilmente il francese Georges Melies, secondo padre del cinema dopo i fratelli Lumiere e autore del film Le voyage dans la lune. A Walt Disney invece, va il merito di aver non soltanto impiegato, ma perfino perfezionato la pratica dello storyboarding. É certo infatti che la realizzazione della serie animata dal titolo Oswald il coniglio fortunato fu anticipata dalla stesura di una succinta sceneggiatura a bozzetti a firma di Webb Smith, stretto colaboratore del regista. Normalmente lo storyboard non si riduce ad una rappresentazione grafica delle inquadrature di un'opera filmata, ma può includere moltissime informazioni utili, come per esempio i movimenti della macchina da presa (indicati al di sotto dei bozzetti) o quelli dei personaggi e degli oggetti (indicati all'interno dei bozzetti). In rari casi, lo storyboard può perfino arrivare a segnalare il costo di una determinata inquadratura.

Cercato come:

Una succinta sceneggiatura a bozzetti

Categorie: