Il tasso di interesse accordato dalle banche ai migliori clienti

Il tasso di interesse accordato dalle banche ai migliori clienti è solitamente deciso da ogni banca in relazione al costo della propria provvista di depositi ed è solitamente il miglior tasso d’interesse che la banca applica in un determinato periodo.
Questo tasso d’interesse, noto comunemente con la locuzione inglese prime rate, solitamente varia al variare del TUS, ossia il Tasso Ufficiale di Sconto.

Il Tasso Ufficiale di Sconto è il tasso con cui una Banca Centrale concede prestiti ad altre banche ed influenza, oltre al tasso di interesse applicato dalle banche ai clienti, anche il tasso interbancario, ossia il tasso d’interesse che le banche applicano ai prestiti effettuati nei confronti di altre banche.
Il TUS viene utilizzato per valutare la salute del mercato finanziario in generale: quando il tasso ufficiale di sconto aumenta vuol dire che si sta affrontando un periodo di stretta creditizia che provoca un aumento del costo del denaro, quando invece il tasso diminuisce si determina una tendenza all’aumento degli investimenti e dei consumi e quindi di un minor costo del denaro.
Si possono distinguere tre diverse tipologie per il tasso d’interesse accordato dalle banche ai migliori clienti: il prime rate propriamente detto, ossia il tasso d’interesse sui crediti in bianco che sono utilizzabili in conto corrente, il tasso per le operazioni di sconto di portafoglio commerciale ed il tasso per gli anticipi in euro alle esportazioni.
E’ inoltre abbastanza frequente le banche accordino ai clienti selezionatissimi un tasso d’interesse addirittura inferiore al prime rate.

Cercato come:

tasso di interesse accordato dalle banche ai migliori clienti

Categorie: