Un gioco simile al tennis

Un gioco simile al tennis, nel senso che anche in questo caso si giocano partite di  singolo o doppio maschile o femminile, con l’ausilio di una racchetta e su un campo rettangolare diviso da una rete, è lo sport che porta il nome di badminton. La differenza sostanziale con il tennis è che nel badminton al posto della pallina si usa un volano e che la rete che divide il campo è alta circa un metro e mezzo. Il gioco consiste nel colpire il volano con una racchetta facendogli oltrepassare la rete e mandandolo nella metà campo opposta dove dovrà essere ribattuto al volo dall'avversario. Tra i più veloci sport di racchetta, il badminton è uno sport in cui si rendono necessarie prestanza fisica, agilità e prontezza di riflessi. L'effetto è spettacolare con scambi rapidi, cambi di fronte e movimentati recuperi.

Si presume che questo gioco sia stato portato in Europa da alcuni ufficiali inglesi dalla città di Poona, in India, e abbia preso nome dal castello, il Badminton House, nella contea del Gloucestershire, in cui fu giocato la prima volta come sport. In Italia, per trovare le prime tracce del badminton, bisogna attendere gli anni Quaranta e Cinquanta, quando venne praticato in situazioni diverse, a volte come training per campioni del tennis (ad esempio Fausto Gardini), oppure come attività ricreativa e formativa (presso la Scuola militare di educazione fisica di Orvieto). 

Cercato come:

Un gioco simile al tennis

Categorie: